Cosa fare quando muore un cane? Dove si porta? Sepoltura o cremazione

Immaginare la perdita del nostro amato quattro zampe e’ molto triste. Questa scomparsa e’ purtroppo un evento ineluttabile: e’ meglio sapere cosa fare quando muore un cane e dove si porta per occuparsi della sua sepoltura oppure effettuare la cremazione per cani.

Cosa fare quando muore un cane?

Quando muore il vostro cane dovrete trovare la lucidità per ricordare cosa fare, in particolare:

  • certificato di decesso del cane
  • sepoltura del cane

Certificato di morte del cane

Ogni cane alla nascita deve essere iscritto all’anagrafe canina del proprio comune di residenza e dotato di microchip sotto pelle.

La prima cosa da fare quando muore un cane, secondo quanto prescrive la legge, e’ rivolgersi al proprio veterinario perché possa constatare personalmente l’effettivo decesso dell’animale e rilasciare il certificato di morte.

Entro due giorni dalla data di decesso avete l’obbligo di portare il certificato presso il servizio veterinario della vostra Ats.

Certificato di morte del cane

Quando muore un cane dove si porta? Sepoltura o cremazione

Superati gli obblighi burocratici, dovete decidere cosa fare del corpo del vostro amato animale.

Per rispondere alla domanda di dove si porta un cane quando muore, ci sono diverse opzioni possibili ed ammesse dalla legge:

  • veterinario
  • centro di cremazione per cani
  • cimitero per animali
  • come seppellire il cane in giardino

Cosa fare quando muore un cane: come seppellire il cane in giardino

La legge consente di seppellire il proprio cane in giardino ma solo se il veterinario ha verificato che non sia morto per una malattia infettiva che possa contaminare le falde acquifere.

Dovrete scavare una buca sufficientemente profonda affinché altri animali non possano disseppellirlo.

Seppellire il cane in giardino
Pietra commemorativa cane

Cosa fare quando muore un cane: veterinario

Nel caso non ve la sentiate di seppellire il vostro animale, una seconda risposta alla domanda dove si porta un cane quando muore e’ dal veterinario.

I veterinari sono normalmente in contatto con aziende di smaltimento che si occupano della cremazione dei cadaveri di cani. Queste ditte difficilmente passano a domicilio dai singoli proprietari, sfruttando gli ambulatori come centri di raccolta.

Se il vostro veterinario acconsente a fungere da deposito temporaneo, potrete lasciare il corpo da lui, previo pagamento di una quota di smaltimento che non è stabilita dal veterinario, ma dalla ditta stessa.

Cosa fare quando muore un cane: centro di cremazione per cani

La terza risposta alla domanda dove si porta un cane quando muore e’ al centro di cremazione.

In molte regioni d’Italia stanno nascendo dei centri di cremazione per cani, che vi restituiscono le ceneri in un’urna. I costi di questa metodica potrebbero essere piuttosto elevati.

Cosa fare quando muore un cane: cimitero per animali

L’ultima risposta al quesito dove si porta un cane quando muore e’ al cimitero per animali.

Nel territorio del vostro comune c’e’ probabilmente un cimitero per animali dove potrete far tumulare il vostro amato canale mettendo una lapide per ricordarlo. Sono previsti degli orari di visita ed una quota rinnovabile annualmente.

Cimitero per animali

Cosa fare quando muore un cane: soppressione dell’animale

La legge prevede che un cane possa essere soppresso solo in questi casi:

  • cane inguaribile
  • cane incurabile
  • cane dichiaratamente aggressivo

Non si può sopprimere assolutamente un cane solo perché non si sa più dove tenerlo, perché anziano e sporca in casa o perché con l’arrivo dei figli è diventato troppo impegnativo. Leggi anche il mio articolo sugli integratori per articolazioni.

E’ sempre il veterinario, insieme al proprietario, a decidere se il cane ormai è diventato incurabile.

Se si decide per l’eutanasia del cane perché la sua qualità di vita non è più accettabile, verrà praticata prima un’iniezione di anestesia. Una volta che il cane si è addormentato, il veterinario praticherà l’iniezione di farmaco eutanasico o in vena o in via intrapolmonare/intracardiaca.

Dopo che il veterinario avrà constatato il decesso (il farmaco blocca come prima cosa il respiro, è praticamente immediato l’effetto, il cuore potrebbe battere ancora per qualche minuto, ma si tratta di fibrillazione), deciderete insieme a lui cosa farne del corpicino, esattamente con le stesse modalità di cui vi abbiamo parlato prima per la sua morte.

Durante tutta questa procedura, sarà il proprietario a decidere a cosa assistere: molti preferiscono stare con il proprio cane almeno finché non si addormenta, non assistendo poi all’eutanasia vera e propria, ma qui sta al proprietario decidere cosa riesce e cosa non riesce a sopportare.

Ultimo aggiornamento Amazon Affiliate 2021-09-26 at 19:57

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.